La stagionatura dei salumi

Ci piace, di tanto in tanto, fermarci sul nostro work in progress.

La bontà, come ripetiamo spesso, è un risultato. Il risultato di scelte, lavorazioni, attenzioni. Quelle di ogni giorno, in campagna, nell’allevamento, in produzione.

In questo risultato c’è anche il valore del tempo.

Un tempo da rispettare. Un tempo prezioso, per il gusto, la consistenza e il profumo dei salumi.

Un po’ come la vita e le stagioni, bisogna lasciare che la bontà maturi. Senza fretta, al momento giusto, la pazienza dell’arte rende i suoi frutti.

La stagionatura è una fase essenziale, proprio come le altre.

Questa è una delle tante lezioni della campagna. Bisogna credere, impegnarsi, aspettare. Non c’è bontà senza questa virtù.

A tavola devono arrivare i salumi di qualità, fatti e stagionati bene. Come un sapore, anche la stagionatura fa la differenza. Il punto di arrivo, il momento perfetto per goderli, è un’emozione.

Ecco perché è importante acquistare “secondo disponibilità”. Tutto subito e sempre può deludere il palato, nascondere qualche processo incompiuto. Un’azienda agricola è allenata, a questi principi, a queste regole. E, anzi, ne fa un po’ il suo fiero percorso di genuinità e di valori.

Oggi più che mai torniamo tutti ad apprezzare quello che la natura ci trasmette. Come la risorsa, inestimabile, del tempo. E come quella, magnifica, della bontà.

Siamo felici di averne sempre fatto tesoro.

Gianluca