L’etica del biogas

Azienda Agricola Valsesia > Blog > dalla campagna > L’etica del biogas

L’Azienda Agricola Valsesia anni fa ha fatto una grande scelta. Un passo coraggioso e oneroso nel quale credevamo ciecamente. E oggi…ci crediamo sempre di più. Siamo fieri e felici di quell’intuizione che da allora ci ha portato a ridurre praticamente a zero lo spreco.

Lo spreco della campagna e lo spreco dell’allevamento.

Sprecare, purtroppo, è un verbo che per decenni ha impoverito le risorse ed è costato caro a tutti. Dimenticare che bisogna utilizzare e non consumare tutto, che si deve valorizzare tutto ciò che è possibile conservare e trasformare, non si può chiamare progresso.

Il progresso in effetti non distrugge, preserva e studia nuovi mezzi e percorsi perché il futuro non paghi il prezzo di un presente senza lungimiranza.

Cosa abbiamo fatto? Come Agricola Valsesia abbiamo deciso di dotarci di impianto di biogas: il trinciato di mais e gli escrementi in decomposizione di suino producono metano. Oltre a fornire energia rinnovabile, l’impianto riduce drasticamente le emissioni di gas a effetto serra.

Oggi forse si è maggiormente diffusa una cultura green e delle energie alternative. Allora siamo stati decisamente audaci, accollandoci un rischio per noi davvero importante. Per noi l’impianto di biogas ora più che un investimento è una missione. Il suo significato tocca tutto: la completezza della filiera agricola, il trattamento sostenibile dei rifiuti, la produzione di energia rinnovabile e conveniente.

Anche questo ora nel nostro Paese è Azienda, Campagna, Visione eco-strategica.

Di questa responsabilità, di questo impegno, di questo valore, ci facciamo quotidianamente portatori e sostenitori.

Valsesia è anche biogas!

Gianluca