L’etichettatura dei cotechini

Azienda Agricola Valsesia > Blog > Prodotti > L’etichettatura dei cotechini

È presto per i cotechini?

Questa in effetti è una foto d’archivio, scattata nel novembre scorso. Perché ne parliamo ora? Perché la stagione incalza, come le richieste. Perché in salumificio c’è già grande fermento. Perché in campagna ogni mese c’è un’incombenza che ci chiama. Perché ogni operazione ha bisogno di essere seguita con precisione e rigore.

Comunque questi sono i nostri cotechini dell’anno scorso, appena insaccati e pronti per l’etichettatura.

Ma cos’è il cotechino? Il cotechino è un insaccato da cuocere tipico del nord Italia, a base di carne e cotenna di maiale. Nella forma somiglia moltissimo al salame da pentola ma per ciò che riguarda la sostanza si accomuna allo zampone.

Al battuto di carne vengono aggiunti sale e spezie. Dopo l’impasto viene insaccato con una legatura o cucitura dei vertici per impedire la fuoriuscita del prodotto in fase di cottura.

Sapete perché è tipico del periodo natalizio ed è sempre presente sulle tavole di Capodanno con le lenticchie?  Perché la macellazione dei suini avveniva storicamente in dicembre e con una breve stagionatura -una semplice asciugatura- i cotechini erano pronti per la cottura!

Si continua a mangiare solo d’inverno e in maniera moderata perché è un insaccato piuttosto grasso. Comunque non fa male ricordare che il cotechino è anche ricco di proteine, ferro e vitamine del gruppo B.

Gianluca