Dalla campagna al biogas

Azienda Agricola Valsesia > Blog > dalla campagna > Dalla campagna al biogas

Quante volte avete sentito dire che “del maiale non si butta via niente”?

Un principio vero che la tradizione ci consegna in tutta la sua preziosa offerta di saggezza e bontà. Non lo scopriamo solo a tavola. I suini sono una fonte generosa, molto generosa, di ricchezza. Una ricchezza che noi valutiamo sempre innanzi tutto in termini di rispetto dell’ambiente e di tutto ciò che ci arriva dalla natura.

L’Azienda Agricola Valsesia anni fa ha fatto una grande scelta. Un passo coraggioso e oneroso nel quale credevamo ciecamente. Non siamo delusi…anzi, siamo felicissimi di quell’intuizione che da allora ci ha portato a ridurre praticamente a zero lo spreco.

Sprecare, purtroppo, è un verbo che per decenni ha impoverito le risorse ed è costato caro a tutti. Dimenticare che bisogna utilizzare e non consumare tutto, che si deve valorizzare tutto ciò che è possibile conservare e trasformare, non si può chiamare progresso.

Il progresso in effetti non distrugge, preserva e studia nuovi mezzi e percorsi perché il futuro non paghi il prezzo di un presente senza lungimiranza.

Cosa abbiamo fatto? Come Agricola Valsesia abbiamo deciso di dotarci di un impianto di biogas: il trinciato di mais e gli escrementi in decomposizione di suino producono metano. Oltre a fornire energia rinnovabile, l’impianto riduce drasticamente le emissioni di gas a effetto serra.

Oggi forse si è maggiormente diffusa una cultura green e delle energie alternative. Allora siamo stati decisamente audaci, accollandoci un rischio per noi davvero importante. Per noi l’impianto di biogas è un fiore all’occhiello. Il suo significato tocca tutto: la completezza della filiera agricola, il trattamento sostenibile dei rifiuti, la produzione di energia rinnovabile e conveniente.

Anche questo ora nel nostro Paese è Azienda, Campagna, Visione eco-strategica.

Gianluca